venerdì, 14 Giugno 2024

Dante Schiavon

Laureato in Pedagogia. Ambientalista. Associato a SEQUS, (Sostenibilità, Equità, Solidarietà), un movimento politico, ecologista, culturale che si propone di superare l’incapacità della “classe partitica” di accettare il senso del “limite” nello sfruttamento delle risorse della terra e ritiene deleterio per il pianeta l’abbraccio mortale del mito della “crescita illimitata” che sta portando con se nuove e crescenti ingiustizie sociali e il superamento dei “confini planetari” per la sopravvivenza della terra. Preoccupato per la perdita irreversibile della risorsa delle risorse, il “suolo”, sede di importanti reazioni “bio-geo-chimiche che rendono possibili “essenziali cicli vitali” per la vita sulla terra, conduce da anni una battaglia solitaria invocando una “lotta ambientalista” che fermi il consumo di suolo in Veneto, la regione con la maggiore superficie di edifici rispetto al numero di abitanti: 147 m2/ab (Ispra 2022),

Gli articoli

LA TERRA NON C’È NEI PROGRAMMI ELETTORALI.

In occasione delle elezioni europee il movimento “Pace, Terra, Dignità” lanciato da Michele Santoro rappresenta, secondo me,  sia nel linguaggio, sia nei contenuti, uno stimolo interessante  che può risvegliare un po’ quel torpore...

PFAS E SPV: LE SIGLE DI UN PROGRESSO INSICURO.

Le sostanze “perfluoroalchiliche”(PFAS) prodotte per alcuni decenni dalla Miteni di Trissino hanno contaminato le acque superficiali, sotterranee e potabili di  tre province del Veneto dove vivono 350.000 persone. Uno studio  condotto dal Professor...

“DEROGALAND VENETA”: LA TERRA DELLE DEROGHE.

È tempo di elezioni e tutti, proprio tutti i diversi schieramenti partitici vi diranno, a proposito del suolo, della necessità di fermarlo: ma solo a parole. Il potere politico e amministrativo di...

IL SUOLO: Il convitato di pietra della nostra visione del mondo.

Se l’uomo esclude  il suolo(la terra)  dalla propria  visione del mondo è come se recitasse un ruolo  in un film secondo una sceneggiatura in cui non è prevista nessuna ambientazione. Ma cos’è...

Andare oltre la polarizzazione mediatica e politica sulla pista da BOB

Il dibattito incentrato sulla infausta decisione di fare comunque la pista di bob sta finendo per apparire alla maggioranza della distratta opinione pubblica il frutto di una contrapposizione ideologica.  E’ anche il...

GIORNATA MONDIALE DELL’ACQUA: Favorire il fluire naturale dell’acqua nei fiumi e nelle falde.

Il valore dell’acqua lo avremo realmente compreso solo quando nelle nostre attività umane, dal più semplice vivere quotidiano nelle nostre abitazioni alle attività più propriamente produttive (industriali e agricole), ci porremo la domanda:...

“SOSTENIBILITÀ VISIVA” E “VALORIZZAZIONE TURISTICA”: LA MANOMISSIONE DELLE PAROLE.

Le chiamano “stanze panoramiche” e sono l’avamposto del turismo cosiddetto “esperienziale”. Per me sono di uno squallore unico, come lo sono tutti i progetti (case sugli alberi, case galleggianti, ponti tibetani, happy...

Effetti dell’infocrazia sulla percezione delle problematiche ambientali.

La “privatizzazione dell’informazione” e la “sovrainformazione” sono i due fenomeni contemporanei che allontanano la gente comune dalla percezione della realtà e della “realtà ambientale” in particolare. La “privatizzazione dell’informazione” avviene in diversi...

“A” COME AGRICOLTURA. MA QUALE AGRICOLTURA?

Ascolta l'articolo: La “perdita” di “sovranità alimentare” nel nostro paese  (importiamo circa  il 50% di grano duro e il 40% di grano tenero) e la “marginalizzazione” del “settore primario” sono state accompagnate da...

Salviamo il suolo veneto sopravissuto alla cementificazione

Un appello ad abbandonare la nostra indifferenza verso la sottrazione a noi e ai nostri figli di un bene comune come la “terra” e i suoi servizi ecosistemici. Come? Sottoscrivendo l’appello nel...

Dante Schiavon

Laureato in Pedagogia. Ambientalista. Associato a SEQUS, (Sostenibilità, Equità, Solidarietà), un movimento politico, ecologista, culturale che si propone di superare l’incapacità della “classe partitica” di accettare il senso del “limite” nello sfruttamento delle risorse della terra e ritiene deleterio per il pianeta l’abbraccio mortale del mito della “crescita illimitata” che sta portando con se nuove e crescenti ingiustizie sociali e il superamento dei “confini planetari” per la sopravvivenza della terra. Preoccupato per la perdita irreversibile della risorsa delle risorse, il “suolo”, sede di importanti reazioni “bio-geo-chimiche che rendono possibili “essenziali cicli vitali” per la vita sulla terra, conduce da anni una battaglia solitaria invocando una “lotta ambientalista” che fermi il consumo di suolo in Veneto, la regione con la maggiore superficie di edifici rispetto al numero di abitanti: 147 m2/ab (Ispra 2022),