Minello, il sindaco Bortolato, in un suo post, ha parlato del “Parco della Cultura ex Villa Longobardi”: pensa che questa sia la definizione esatta, visto che in procinto paiono solo esserci i lavori di restauro del giardino della villa, dopo la demolizione dell’edificio presente?

“No. L’unica soluzione per la cultura era spostare la biblioteca nel Parco di Villa Longobardi. Sicuramente va preservato anche il parco Ottocentesco, ma le questioni erano e sono compatibili. Questa Amministrazione, nel cancellare il progetto dal Piano Triennale delle Opere Pubbliche, ha dichiarato che avrebbe desiderato farci una sala lettura, magari anche con un bar. Non una biblioteca, poiché il prestito dei libri avrebbe portato troppa gente a calpestare un parco vincolato. Evidentemente non avevano le idee chiare. Non è di certo il prestito dei libri, rispetto ad una sala lettura ed un bar a spostare il numero degli ingressi. Tutt’altro. Questa dichiarazione è stata fatta in Consiglio Comunale. E’ agli atti. Evidentemente hanno abbandonato il progetto per disinteresse.”

Il Sindaco scrive: “Realizzare la biblioteca all’interno del parco non è possibile in quanto il giardino ha un vincolo monumentale e la Soprintendenza non lo permette.”

“Le cose non stanno proprio così; questa maggioranza ha abbandonato il Progetto togliendolo subito, appena insediata, dalle Opere Triennali. Hanno scelto loro di non crederci.”

Il Sindaco aggiunge: “Quel progetto (della precedente Amministrazione, n.d.r.) non ha mai ottenuto il via libera della Soprintendenza” e “… quel progetto che era in realtà uno studio di fattibilità tecnica economica non aveva ricevuto nessun ok”.

“Qui si capiscono perfettamente le contraddizioni, nelle dichiarazioni del Sindaco, sulla questione. Il Progetto della precedente Amministrazione era uno studio di fattibilità poi inserito nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche. Ovviamente non a caso, ma perché ritenuto attuabile. L’attuale Sindaco, con la sua maggioranza, ha tolto tale progetto appena insediato. Evidentemente non era, per loro, una priorità. Altri responsabili non ci sono, si evince chiaramente dalle dichiarazioni del Sindaco, non c’entra la Sovrintendenza. E’ una scelta politica di questa maggioranza.”

Su “Il Gazzettino” di sabato 9 luglio 2022 il Sindaco dichiara: “Costruire una mega biblioteca all’interno del parco come voleva la giunta precedente non è possibile, la Soprintendenza non ha infatti mai autorizzato la nuova costruzione di un edificio fuori scala e fuori contesto, che avrebbe violentato e snaturato il parco. Stiamo già lavorando per una soluzione alternativa alla biblioteca comunale”. Cosa risponde?

“Ho già risposto. Mi soffermo solo sull’espressione‘mega biblioteca’. Il Sindaco o non ha capito cosa abbiamo proposto o è in difficoltà nel dare risposte. La nostra proposta, che rimane tale, è di una biblioteca di spessore, non di una biblioteca ‘grande’. Quella che merita una città di 27.000 abitanti. Credo che chi parli, in tale contesto, di ‘mega biblioteca’, voglia distogliere l’attenzione da quella che era la nostra proposta.

Può ripercorrere brevemente cosa fece la giunta di cui faceva parte a proposito del progetto della nuova biblioteca in Villa Longobardi?

“La precedente Amministrazione aveva uno studio di fattibilità e aveva inserito l’opera nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche. La precedente Amministrazione, in definitiva, avrebbe realizzato l’opera. Non è poco.”

Quindi, in conclusione, come riassumerebbe la questione?

“E’ semplicemente una questione di priorità. La Cultura per la precedente Amministrazione lo era”.

Avatar photo
Nato a Treviso il 02-06-1981. Laureato in Lingue a Ca’ Foscari, specializzato alla SSIS Veneto. Insegnante di spagnolo in una scuola superiore di Treviso. E’ stato presidente del quartiere Ovest-Ghetto e collaboratore de L’Eco di Mogliano; è consigliere di un’importante realtà associativa locale, il CRCS Ovest-Ghetto. Impegnato da molti anni in città nel mondo dello sport, dell’associazionismo volontario e della cultura.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here