Quattro imperdibili incontri sul viaggio del cibo dalla terra al piatto

Dove facciamo le nostre spese alimentari? Come vengono coltivati gli ortaggi che mangiamo? E come viene prodotta la carne che mettiamo nel piatto? E perché mai molte vigne (non tutte, ma molte sì, anche qui vicino a noi) vengono sorvolate da elicotteri e spesso la loro erba in primavera è giù bruciata? Perché molta frutta è bella e lucida ma praticamente priva di gusto? Quanto cibo sprechiamo nella nostra quotidianità? Quanto tempo dedichiamo per la preparazione del nostro cibo quotidiano?

Queste e molte altre domande sono da anni in attesa di risposte chiare e affidabili, ed è per questa ragione che l’Associazione “Omega aps“, “Coop Alleanza 3.0” e “Associazione Internazionale Trevisani nel Mondo”, con il patrocinio del Comune di Mogliano, hanno organizzato l’interessante rassegna “In tavola. Il viaggio del cibo dalla terra al piatto” per affrontare le problematiche del cibo e degli stili alimentari che contraddistinguono la nostra epoca.

Quattro incontri con autorevoli esperti per esplorare il “pianeta alimentare” in molti dei suoi risvolti, settore primario centrale nell’età della transizione ecologica.  Sarà l’occasione per interrogarsi sugli esiti che il sistema agroalimentare industriale ha generato soppiantando la tradizionale agricoltura promiscua, in molti casi distruggendo i paesaggi della biodiversità con monoculture, allevamenti intensivi e l’utilizzo a piene mani di pesticidi e concimi di sintesi; e l’opportunità, nello stesso tempo, di verificare a quali alternative possiamo oggi far ricorso e a chi, nel campo della distribuzione, offre le migliori garanzie per portare in tavola un cibo “buono, pulito e giusto”.

Cinzia Scaffidi

Sarà Cinzia Scaffidi ad inaugurare la rassegna giovedì 12 maggio, alle ore 21 presso il Centro Sociale di Mogliano Veneto.

Cinzi Scaffidi, giornalista e docente universitaria, studia da sempre le problematiche globali collegate al cibo – dall’ambiente alla salute pubblica, dalla sostenibilità ai diritti di produttori e consumatori – e il modo in cui sono connesse tra loro. Le sue più recenti pubblicazioni, tutte per Slow Food editore, sono: Mangia come parli. Come è cambiato il vocabolario del cibo (2004); Che mondo sarebbe. Pubblicità del cibo e modelli sociali (2018); Il mondo delle api e del miele (2019).

A Mogliano presenterà il suo ultimo lavoro: Il profitto e la cura. La sostenibilità e le voci che non abbiamo ascoltato.

Un libro esemplare, che racconta tutta la pericolosità e le debolezze del sistema agroalimentare industriale e che riporta a galla le voci “dissonanti” che in tanti ambiti – scienza, letteratura, filosofia, poesia, attivismo – chiedevano, anche in tempi non sospetti, rispetto per le risorse e gli equilibri naturali, per il benessere di tutti: dalla Bibbia a Marx, da Giorgio Caproni a Laura Conti, da D.H. Lawrence a Rachel Carson, da Jean Giono a Carol Anne Duffy. Un libro che riannoda i fili della consapevolezza e che oggi può essere di grande aiuto.

 

per gli altri incontri vedi il programma in allegato e i successivi approfondimenti nei prossimi articoli.