29 September, 2021
Home / Mogliano Veneto  / Andiamoci piano.

Andiamoci piano.

Presentato e approvato dal Consiglio Comunale di Mogliano il Piano degli Interventi

È stato recentemente presentato ed approvato dal Consiglio Comunale di Mogliano Veneto (con l’astensione delle opposizioni) il Piano degli Interventi. L’argomento è di quelli seri, strategici potremmo dire, perché riguarda il futuro della nostra città, può pregiudicarne o limitarne la sua transizione ecologica e il suo equilibrio ambientale. C’è da riflettere e da rimboccarsi le maniche, soprattutto ora che l’ISPRA (l’Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale) ha certificato l’ennesimo record del Veneto per il consumo di suolo.

Preliminarmente vorremmo però manifestare il nostro stupore per la censura che il Sindaco Bortolato ha esercitato nei confronti del gruppo “Ribelli contro l’estinzione” con il quale aveva avviato una interessante collaborazione, seppur talvolta zoppicante, e che aveva consentito al Consiglio Comunale di Mogliano di produrre la dichiarazione di “emergenza ecologica e climatica”. Una censura dovuta a un’osservazione critica su uno dei piani presentati e che ha unilateralmente indotto l’Amministrazione a interrompere la collaborazione. I “Ribelli contro l’Estinzione” rappresentano una rete di giovani che con impegno e serietà si adoperano per sensibilizzare tutta la cittadinanza sui gravi problemi che stiamo vivendo a livello ambientale e sulla necessità di una nuova ecologia integrale per scongiurare il collasso del pianeta (noi da diverso tempo ospitiamo i loro articoli pieni di idee, suggerimenti, proposte).

Francamente, sig. sindaco, un gesto di difficile comprensione.

Assieme a questi giovani, per l’importanza che il Piano riveste, pensiamo sia invece non solo utile, ma necessario approfondirlo in tutti i suoi aspetti, senza censure e senza omissis. È per questa ragione che nelle prossime settimane sentiremo le opinioni di tanti protagonisti della vita moglianese: maggioranza, opposizione, associazioni, cittadini.

Perché il confronto (anche quando le idee divergono) è il lievito di una comunità responsabile e consapevole.