6 December, 2021
Home / Teatro  / Giulio Casale al Busan.

Giulio Casale al Busan.

5 novembre, comincia la rassegna teatrale al Busan

Domani sera comincia la stagione teatrale del Busan. Ne abbiamo già scritto e già abbiamo illustrato il ricco programma da qua a marzo. Tutto è pronto e anche noi vogliamo contribuire a questa piccola rinascita culturale a Mogliano dopo tanto letargo.
Presentiamo il protagonista della prima serata: Giulio Casale. Lui è un artista a tutto tondo che spazia dalla musica alla parola recitata che ha collaborato con i migliori artisti italiani, un elenco composito che va da Fabio Fazio a Vinicio Capossela, persino con Aldo Giovanni e Giacomo e con una indimenticabile Fernanda Pievano. Per anni è stato il partner teatrale musicista del giornalista Andrea Scanzi in spettacoli itineranti e di successo in tutta Italia. Una carriera in cui mescola il suo talento di chitarrista (autodidatta per di più) alla produzione di testi letterari, tra cui una raccolta di poesie con un titolo per noi familiare “Sullo Zero”.  
Ma arriviamo allo spettacolo di domani “Lettere da lontano”, titolo ispirato ad una canzone di Enzo Jannacci. Mette insieme Pasolini, Gaber, de Andrè, Battiato, Joseph Brodski e tanti pezzi dell’autore in una miscellanea emozionante.
“Nel lungo periodo di inattività da pandemia ho intrapreso un lavoro di ricerca e di riscoperta di cose che mi avevano formato ed emozionato”. Per Giulio Casale quindi si può parlare di teatro-canzone, di una loro intima ed indistinta fusione: “Per me il teatro con musica è il mestiere più eccitante del mondo, è una forma che offre tante possibilità di ricerca e creatività. Dalla drammaturgia allo scrivere, a lanciare canzoni, è un lavoro talmente composito dal punto di vista autoriale prima, e dell’interprete dopo. È anche un mestiere dei più complessi ma, ripeto eccitante”.  

Non potete venire venerdì sera? Beh, allora stasera, giovedì, c’è l’imperdibile “The Italian bancher” sulle immagini e vicende delle nostre banche locali che hanno trascinato nella rovina molti compaesani e non solo. Al cinema o a teatro? Al Busan.