6 December, 2021
Home / Associazioni  / Parole di carta – Simon Levis Sullam

Parole di carta – Simon Levis Sullam

Mercoledì 27 ottobre secondo appuntamento con la rassegna Parole di carta

Secondo appuntamento promosso da “quarantaduelinee circolazione culturale aps” che dopo la scrittrice Valeria Palumbo ospita Simon Levis Sullam autore di I fantasmi del fascismo. Le metamorfosi degli intellettuali italiani nel dopoguerra, Feltrinelli, 2021

Nel volume si raccontano le vicende politiche e personali di quattro importanti intellettuali: lo storico Federico Chabod, il giurista Piero Calamandrei, il critico letterario Luigi Russo e il romanziere Alberto Moravia. Questi quattro noti antifascisti nel dopoguerra, spesso durante il fascismo avevano mantenuto un atteggiamento di cautela e inazione politica, cedendo talora alla collaborazione con il regime, le sue istituzioni culturali, scientifiche e di governo, o affermandosi nel mondo letterario fascista. Dopo la caduta del regime ciascuno di loro ridefinì il proprio percorso durante il Ventennio, rappresentandolo, almeno in pubblico, come coerentemente antifascista.

Nel dopoguerra tutte e quattro le figure iniziarono a fare i conti con il proprio passato. La prevalente – se non esclusiva – autoassoluzione e la costruzione di memorie sostitutive hanno contribuito a scagionare la società italiana rispetto alle sue complessive responsabilità e ai suoi atteggiamenti conformistici nel fascismo.

Simon Levis Sullam è professore associato in storia contemporanea. Si occupa di storia d’Italia tra Ottocento e Novecento con particolare attenzione per la politica e la cultura degli intellettuali, di storia degli ebrei, dell’antisemitismo e dell’Olocausto. Le sue principali pubblicazioni sono: Una comunità immaginata. Gli ebrei a Venezia, 1900-1938, L’archivio antiebraico. Il linguaggio dell’antisemitismo modernoL’apostolo a brandelli. L’eredità di Mazzini tra Risorgimento e fascismoI carnefici italiani. Scene dal genocidio degli ebrei (1943-1945).
A dialogare con lui sarà Alessandro Cinquegrani professore di Letteratura comparata all’Università Ca’ Foscari di Venezia. È autore di diversi volumi di critica letteraria e ha esordito nella narrativa nel 2012 con il romanzo Cacciatori di frodo, finalista al Premio Calvino e candidato al Premio Strega, da cui è stato tratto lo spettacolo teatrale omonimo (regia di Giuseppe Emiliani).
Dal 12 ottobre è in libreria il suo ultimo romanzo Pensa il risveglio, Terrarossa Edizioni, 2021.

L’appuntamento è mercoledì 27 ottobre 2021 alle ore 20,45 presso la sala del Centro Sociale di Mogliano Veneto (prenotazione: posta42linee@gmail.com) alla quale per accedere occorre la certificazione verde.